logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. Volkswagen riprende la produzione di ID.Buzz dopo una settimana di fermo
Novità
Mobilità elettrica

Volkswagen riprende la produzione di ID.Buzz dopo una settimana di fermo

Attraverso un portavoce Volkswagen ha reso noto che la produzione dell'ID.Buzz è ripresa a pieno regime e non dovrebbero esserci ulteriori problemi.

Volkswagen ha comunicato la ripresa della produzione del suo minivan ID.Buzz, il cui costo abbiamo trattato qui, nello stabilimento di Hannover, in Germania, a seguito di un problema non meglio specificato riguardante le batterie. Nei giorni scorsi la società ha reso note le problematiche specifiche che sono state già risolte, con le prime consegne che non subiranno ritardi.

A fine giugno, il carmaker tedesco ha dovuto interrompere la produzione di ID.Buzz e ID.Buzz Cargo ad Hannover che è stata ripresa esattamente il 4 luglio, così come previsto. Al tempo non erano chiari i problemi, ma attraverso l'intervista di un portavoce alla tedesca Automobilwoche l'azienda ha fornito maggiori dettagli.

Le batterie consegnate nel sito di Hannover provengono da un nuovo fornitore, di cui però non viene fatto il nome. Il problema riguardava alcune celle che non rispettavano gli standard qualitativi di Volkswagen, generando un crollo della tensione nell'accumulatore che avrebbe potuto incidere sia sull'autonomia che sulle performance. Inoltre, questa variabilità avrebbe potuto condizionare negativamente la vita utile della batteria.

Plancia del Volkswagen ID.Buzz
Plancia del Volkswagen ID.Buzz

Stando a quanto dichiarato dal portavoce della società, i problemi sono già stati risolti dal fornitore e la produzione può riprendere senza ulteriori intoppi. Inoltre, i modelli finora prodotti erano indirizzati ai concessionari come dimostrativi per i test drive, ragione per cui Volkswagen provvederà ad esaminarli e se necessario sostituirà le relative batterie.

La settimana di fermo è costata a Volkswagen la produzione di circa 200 pulmini, che tuttavia potranno essere recuperati "senza problemi". Attualmente, infatti, il sito di Hannover produce 45 modelli di ID.Buzz al giorno, ma la casa prevede di portare entro fine anno la capacità produttiva giornaliera a 180 unità.

In conclusione, adesso è chiara la ragione per cui lo stop aveva coinvolto solo lo stabilimento di Hannover, anche se la frenata non sembra aver intaccato in alcun modo la tabella di marcia dell'azienda che, come anticipato, conta di consegnare i primi modelli ad ottobre come preventivato.

.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

Pronto per la Cina il nuovo SUV elettrico Avatr da 50 mila euro

13:04 • 11 ago 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati