logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. Volkswagen investe 20 miliardi di euro nella produzione di batterie
Novità
Mobilità elettrica

Volkswagen investe 20 miliardi di euro nella produzione di batterie

Con un annuncio in occasione dell'avvio dei lavori per il nuovo stabilimento, Volkswagen ha reso noto un investimento di 20 miliardi e la nascita di PowerCo.

Volkswagen ha annunciato un investimento di ben 20 miliardi di euro entro il 2030 nella produzione delle batterie, dando vita alla nuova divisione PowerCo dedicata alle vetture della società. L'azienda costruirà nuovi stabilimenti in tutta Europa dedicati alla produzione delle celle per soddisfare la domanda in costante crescita.

La prima nuova fabbrica verrà realizzata a Salzgitter in Germania, dove Volkswagen ha fatto l'annuncio in occasione della cerimonia per la posa della prima pietra. Lo stabilimento produrrà 40 GWh l'anno che dovrebbero riuscire a coprire una capacità di circa mezzo milione di vetture. Il personale prevede ben 5.000 dipendenti con l'avvio dell'attività previsto per il 2025.

Tutti gli impianti saranno alimentati al 100% da energia rinnovabile e saranno predisposti per un sistema di riciclo a circuito chiuso che consentirà di recuperare fino al 90% delle materie prime dalle batterie a fine vita. Il prossimo stabilimento è previsto per la costruzione a Valencia in Spagna, mentre gli altri siti sono ancora in fase di valutazione. Volkswagen sta anche considerando di aprire un nuovo stabilimento negli Stati Uniti.

Fabbrica Volkswagen a Wolfsburg, Germania
Fabbrica Volkswagen a Wolfsburg, Germania

Nel complesso, le nuove fabbriche dovrebbero arrivare a produrre 240 GWh in accumulatori entro il 2030. L'obiettivo è quello di ridurre entro pochi mesi il prezzo delle batterie del 50%, per raggiungere entro il 2030 un prezzo finale inferiore ai 100 dollari per kWh. Un progetto piuttosto ambizioso considerando le circostanze che stanno colpendo l'intero settore.

Proprio Volkswagen, a causa dei rallentamenti o talvolta dei blocchi nelle forniture dovute alla pandemia ancora in corso e alla guerra russo-ucraina, ha già esaurito gli ordini per tutto il 2022. Ciò significa che chi fosse intenzionato ad acquistare un EV della tedesca dovrà attendere quantomeno il prossimo anno per la consegna.

Va anche detto, però, che negli ultimi anni la domanda per vetture EV è letteralmente esplosa, facendo in modo che l'offerta non riuscisse a tenere il passo della domanda. La guerra sopracitata, provocando l'aumento piuttosto incisivo dei combustibili fossili in termini di costo, non ha fatto altro che accrescere la domanda, ragione per cui recuperare tutti gli ordini accumulati non solo da Volkswagen, ma praticamente da qualsiasi produttore nel settore dell'automotive, richiederà un periodo ancora lungo.

La buona notizia è che l'alto numero di investimenti messi in campo dal carmaker tedesco, insieme alle grandi case e numerosi produttori emergenti, renderanno popolari le EV in un arco di tempo tutto sommato ristretto. Questo consentirà un'accelerazione alla transizione energetica ed un passaggio più agevole alla mobilità sostenibile.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

Pronto per la Cina il nuovo SUV elettrico Avatr da 50 mila euro

13:04 • 11 ago 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati