logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. Al via il progetto per la ricarica automatizzata basata sui robot
Novità
Mobilità elettrica

Al via il progetto per la ricarica automatizzata basata sui robot

ROCIN-ECO si appresta ad allestire un sito di prova a disposizione degli OEM per testare la ricarica automatizzata per veicoli elettrici.

Il consorzio ROCIN-ECO (Robotic Charging Infrastructure Ecosystem) si prepara ad avviare i test reali per la ricarica automatica robotizzata. L'obiettivo è sviluppare dispositivi universali capaci di ricaricare le vetture elettriche, senza alcun intervento umano, da installare sulle autostrade europee.

Il consorzio si forgia delle più grandi aziende europee e non coinvolte nel settore EV quali: Rocsys, Ionity, Audi, BMW, Mercedes-Benz, Ford, Huber+Sunher, TÜV Süd e AVL List. Proprio Rocsys rappresenta già attualmente uno dei maggiori fornitori globali di sistemi di ricarica autonoma.

La visione del consorzio è quella di dotare le autostrade europee di corsie dedicate alla ricarica, sulle quali saranno installati i suddetti sistemi robotizzati. La ricarica dovrà durare tra i 15 e i 30 minuti per ogni veicolo e Rocsys sostiene che già eliminando i "fattori umani" si possano ridurre le tempistiche fino al 15%.

Sistema di ricarica automatizzata Rocsys per mezzi pesanti
Sistema di ricarica automatizzata Rocsys per mezzi pesanti

Tuttavia, è indispensabile un'interoperabilità tra veicolo, colonnina e robot. Per questa ragione, ancor prima di pianificare la produzione dei sistemi, il primo passo sarà stabilire un nuovo standard che tutti i produttori di EV potranno adottare per rendere compatibili le proprie vetture con i sistemi.

"La ricarica autonoma può avere successo solo con un approccio interoperabile tra l'infrastruttura di ricarica e i veicoli elettrici. Sarà un prerequisito fondamentale per il successo" ha commentato Crijn Bouman, CEO e cofondatore di Rocsys.

A tale scopo, il consorzio prevede di allestire un sito di test accessibile a tutti gli OEM così che, una volta stabiliti i requisiti insieme ai comitati di settore per la standardizzazione, ogni produttore potrà adeguare i propri veicoli all'infrastruttura con maggiore semplicità e un minore costo.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

SkyDrive presenta l'SD-05, un nuovo VTOL a due posti

12:39 • 28 set 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati