logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. La mobilità sostenibile fa crescere esponenzialmente il mercato del lavoro
Novità
Mobilità elettrica

La mobilità sostenibile fa crescere esponenzialmente il mercato del lavoro

Come evidenziato dai dati relativi agli Stati Uniti, la mobilità elettrica e più in generale l'energia sostenibile aiutano notevolmente il livello di impiego.

Il Dipartimento per l'Energia degli Stati Uniti ha pubblicato l'ultimo rapporto sull'energia e l'occupazione del 2022 mostrando dati incredibili sul fronte del lavoro. Il mercato dei veicoli elettrici ha generato nuovi posti di lavoro con un tasso di crescita del 26,2% rispetto all'anno precedente, un trend che con tutta probabilità sortirà gli stessi effetti anche in Europa.

D'altro canto, seppur con gli ormai noti problemi relativi a produzione e approvvigionamento, la richiesta di veicoli elettrici anche in Europa continua a crescere. Proprio ieri abbiamo condiviso i dati di UNRAE che hanno evidenziato una ripresa del mercato, seppur timida, anche in Italia grazie ai contributi statali per l'acquisto di auto a basse o zero emissioni.

Secondo il rapporto negli Stati Uniti, l'occupazione nel settore dell'energia è cresciuta del 4% dal 2020 al 2021 superando addirittura il tasso di occupazione complessivo che si ferma al 2,8%. Il dato più interessante è che la spinta proviene proprio dalle fonti rinnovabili, laddove i combustibili fossili tendono alla decrescita. In particolare, le rinnovabili hanno generato 300.000 nuovi posti di lavoro, portando i lavoratori da 7,5 a 7,8 milioni in un solo anno.

Hyundai IONIQ 6
Hyundai IONIQ 6

Naturalmente, la mobilità sostenibile comprende tutti i tipi di alimentazione e non solo quella puramente elettrica. In particolare, il segmento delle vetture ibride ha visto una crescita dell'occupazione del 19,7%, ovvero 23.557 nuovi posti di lavoro. Gli ibridi plug-in hanno fatto registrare ben il 30,9% di nuovi lavoratori mentre la categoria delle celle a combustibile ha registrato una sorprendente crescita del 41,4%.

In controtendenza sono, invece, i dati relativi all'occupazione nel settore dei combustibili fossili, il quale in totale ha perso circa 40.000 posti di lavoro per quanto concerne l'estrazione e/o produzione. Lo stesso vale per la produzione di energia che sfrutta i suddetti combustibili che ha registrato una ulteriore perdita di 3.000 posti di lavoro circa.

Viceversa, la produzione e distribuzione di energia da fonti rinnovabili è cresciuta molto più velocemente rispetto al tasso generale, senza contare che solo l'impegno per l'efficientamento energetico ha generato oltre 57.000 nuovi posti di lavoro.

Si tratta di statistiche a dir poco rilevanti che dimostrano quanto l'energia pulita giovi non soltanto all'ambiente, ma anche al mondo del lavoro. D'altronde, è un concetto che avevano già ampiamente chiarito alcuni dei carmaker più grandi, come Tesla, che sta espandendo tutte le sue Gigafactory, di Berlino e Shanghai ne abbiamo parlato. Lo stesso si può dire di altre realtà come i gruppi BMW e Volkswagen.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

Anche Ram Trucks passa all'elettrico, il video del suo primo pick-up EV

14:25 • 09 dic 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati