logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. Secondo un'analisi britannica chi guida Tesla riduce del 50% il rischio di incidenti
Novità
Mobilità elettrica

Secondo un'analisi britannica chi guida Tesla riduce del 50% il rischio di incidenti

Un'analisi condotta nel Regno Unito ha evidenziato che chi guida una Tesla, oltre che una vettura a combustione, ha il 50% in meno di possibilità di schiantarsi a bordo della EV.

Secondo uno studio condotto dalla Cambridge Mobile Telematics, una società che raccoglie dati telematici di milioni di veicoli, i proprietari che guidano sia una Tesla che un veicolo a combustione, riducono il rischio di incidenti del 50% alla guida della prima. Un dato interessante quando rapportato a Porsche che invece ottiene l'effetto contrario.

Durante la conferenza Insurance Institute Highway Safety Charging Into an Electrified Future, CMT ha presentato diversi dati che dimostrerebbero come cambiano i comportamenti degli automobilisti a bordo di un veicolo EV rispetto a quelli condotti con vetture a combustione interna. Naturalmente per una corretta valutazione, sono stati inclusi solo i guidatori che possiedono ed utilizzano con una frequenza simile entrambe le soluzioni.

Tesla Autopilot Hero
Tesla Autopilot Hero

Stando ai risultati generali dello studio, il comportamento del medesimo guidatore cambia sensibilmente in base al veicolo che utilizza. Tuttavia, non c'è una tendenza che accomuna tutti i soggetti, ma pare che l'approccio si differenzi molto anche a seconda del marchio EV. L'esempio preso in esame sulle vetture Tesla è sicuramente un risultato virtuoso per gli automobilisti in possesso di un'auto del produttore americano.

"Tra le nuove scoperte più convincenti vi è il paragone tra i conducenti che utilizzano sia un veicolo elettrico che uno a combustione interna, contribuendo ad una comprensione migliore del rischio sulla base delle due piattaforme di vetture. Questo include anche un'analisi dei conducenti di Tesla che adoperano anche un'altra vettura. Questi guidatori hanno una probabilità di circa il 50% inferiore di effettuare un incidente quando guidano la loro Tesla rispetto a qualsiasi altro veicolo" ha commentato Ryan McMahon, vicepresidente strategico di CMT. "Abbiamo condotto la medesima analisi sugli individui che utilizzano una Porsche abbinata ad un'altra vettura. In questo caso gli automobilisti hanno il 55% in più di rischio di incidente quando guidano la loro Porsche rispetto a qualsiasi altro veicolo".

Le possibili ragioni sono diverse, ma la più interessante riguarda l'uso dello smartphone. Sembra, infatti, che durante la guida di una Tesla, l'incidenza dell'utilizzo del cellulare in marcia colpisca il 21% in meno. Altro dato piuttosto incisivo è il superamento dei limiti di velocità, che si contrae del 9% rispetto ai veicoli a combustione.

Altro dato interessante, ma piuttosto complesso da verificare, riguarderebbe le soste. Praticamente, secondo gli analisti, i veicoli a combustione propongo un'autonomia maggiore ed una tempistica per il rifornimento nettamente inferiore rispetto ai veicoli elettrici. Questo spingerebbe i conducenti ad affrontare viaggi sensibilmente più lunghi con un numero di soste inferiori e più brevi.

Al contrario, i lunghi tragitti con una Tesla costringono ad un maggior numero di soste e inevitabilmente più lunghe in attesa della ricarica. Questa dinamica farebbe in modo di concedere un riposo maggiore ai conducenti così che la stanchezza abbia un impatto inferiore sullo stile di guida. Non viene menzionato, invece, Autopilot, il sistema di guida autonoma di Tesla che secondo il carmaker riduce notevolmente il rischio di impatto quando è attivo.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

CATL presenta una nuova batteria: 1.000 km di autonomia e ricarica in 5 minuti

08:00 • 25 giu 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati