logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. BMW, diminuiscono le vendite generali, ma le BEV raddoppiano
Novità
Mobilità elettrica

BMW, diminuiscono le vendite generali, ma le BEV raddoppiano

I dati di vendita di BMW dei primi sei mesi del 2022 mostrano una sensibile diminuzione sul fronte generale, ma un forte aumento dei modelli 100% elettrici.

Attraverso un comunicato stampa, BMW ha rilasciato i dati di vendita della prima metà dell'anno che sottolineano quanto la transizione energetica continua a passo a dir poco sostenuto. Nonostante una significativa diminuzione nelle nuove immatricolazioni, i modelli BEV fanno segnare un aumento delle vendite di oltre il doppio rispetto all'anno precedente.

In particolare, nei primi 6 mesi dell'anno, il gruppo ha consegnato 75.891 veicoli completamente elettrici tra vetture a marchio BMW e Mini, ovvero il 110,3% in più rispetto allo stesso periodo del 2021. Questo a fronte di una contrazione generale delle vendite di ben il 13,7%. Naturalmente, a pesare sulla fornitura dei veicoli è ancora la pandemia in corso che ha provocato rallentamenti (soprattutto in Cina) e la guerra russo-ucraina che ha ridotto gli approvvigionamenti.

La società non ha fornito i dati per singolo modello, ma si è concentrata su quelli che hanno ottenuto le migliori performance in questa prima metà del 2022. La Mini Cooper SE 100% elettrica, ad esempio, ha venduto 18.430 esemplari segnando un +37% rispetto all'anno precedente. Sul fronte BMW, invece, è la i4 la rivelazione che seppur non ancora sul mercato, ha già ricevuto ben 34.000 prenotazioni solo in Europa.

Mini Cooper SE
Mini Cooper SE

Dal punto di vista dell'alimentazione puramente elettrica si tratta di dati di per sé già notevoli, ma che non frenano il gruppo dal puntare a obiettivi ancor più ambiziosi. La società, infatti, punta a superare il raddoppio nella vendita di BEV entro la fine dell'anno. Questo in vista di una distribuzione di vetture elettriche che dovrebbe arrivare al 50% di quella complessiva già dal 2025 con oltre due milioni di BEV del gruppo su strada entro quell'anno.

È interessante notare che le vetture a marchio M, ovvero la gamma di veicoli votati alla sportività, ha registrato una contrazione moderata rispetto al dato generale. In questo caso la riduzione in termini di vendita è stata di solo il 2,6% rispetto allo scorso anno, in cui però la divisione ha fatto segnare il suo massimo storico. Merito del lancio della nuova BMW i4 M50 Gran Coupé.

Sorprendente è stato il risultato ottenuto da BMW Motorrad, la propaggine di BMW dedicata alle due ruote che nei primi 6 mesi del 2022 ha fatto registrare una diminuzione di solo lo 0,1%. In questo caso BMW ha quasi pareggiato i risultati ottenuti nel 2021 che rappresentano il suo record. Anche in questo caso, il merito sembra essere dei nuovi modelli elettrici come il CE 04 che pongono le basi per la conversione anche di scooter e motociclette della casa tedesca.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

Pronto per la Cina il nuovo SUV elettrico Avatr da 50 mila euro

13:04 • 11 ago 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati