logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. BMW, 1 miliardo di euro nello stabilimento di Steyr per la e-mobility
Novità
Mobilità elettrica

BMW, 1 miliardo di euro nello stabilimento di Steyr per la e-mobility

BMW ha annunciato l'ampliamento e la conversione dello stabilimento austriaco nel quale verrà per la prima volta sviluppato un motore completamente nuovo.

Attraverso un comunicato stampa, BMW ha annunciato la conversione e ampliamento dello storico stabilimento di Steyr, in Austria, per la produzione di powertrain elettrici. Il carmaker tedesco investirà 1 miliardo di euro per produrre i motori e-Drive di sesta generazione nel suddetto stabilimento, in cui si svolgerà lo sviluppo di un motore completamente nuovo.

Rotore, statore, trasmissione, inverter e alloggiamento degli attuali e-Drive
Rotore, statore, trasmissione, inverter e alloggiamento degli attuali e-Drive

Lo stabilimento di Steyr rappresenta uno dei più importanti per BMW, dove attualmente si sviluppano e producono i motori a combustione interna. Dal 2025, però, partirà il piano per convertire parte dello stabilimento che si occuperà di produrre i componenti per i nuovi motori elettrici di sesta generazione che alimenteranno la New Class già annunciata da BMW.

In particolare, BMW, conta di raggiungere una produzione di 600.000 unità nel solo stabilimento di Steyr a cui si sommeranno le 500.000 prodotte in quello di Dingolfing in Germania. Per raggiungere tale obiettivo, le aree di produzione già esistenti saranno convertite e al contempo verranno costruiti nuovi edifici per un totale di 60.000 mq2 nuovi dedicati alla produzione dei powertrain.

In particolare, il sito di Steyr produrrà lo statore, il rotore, l'inverter, la trasmissione e l'alloggiamento che poi verranno utilizzati su due nuove linee di produzione. Naturalmente, sarà indispensabile la manodopera e a tal proposito BMW formerà la metà dei suoi 4.400 dipendenti per operare sulla nuova produzione.

Alexander Susanek, AD dello stabilimento BMW di Steyr
Alexander Susanek, AD dello stabilimento BMW di Steyr
"Produrremo oltre 600.000 e-drive all'anno, pur mantenendo un elevato utilizzo della capacità produttiva per i motori diesel e benzina. Entro il 2030, circa la metà dei nostri 4.400 dipendenti lavorerà nell'elettromobilità. Questo è anche un enorme passo avanti verso la garanzia di posti di lavoro a lungo termine qui nel sito del BMW Group a Steyr" ha commentato Alexander Susanek, amministratore delegato dello stabilimento.

Uno degli aspetti più significativi del rinnovamento riservato al sito austriaco però, riguarda lo sviluppo di un motore completamente nuovo. Sarà la prima volta, infatti, che a Steyr verrà sviluppato un sistema di propulsione, in questo caso ad alte prestazioni per il quale BMW investirà 230 milioni di euro da qui al 2030. Attualmente, già un terzo degli sviluppatori di Steyr lavora sulla mobilità elettrica, ma BMW ha anticipato che entro il 2030 il 90% di questi saranno impegnati nella e-mobility.

Infine, il rinnovamento includerà il progetto iFactory presentato da BMW il mese scorso. L'obiettivo di ridurre l'impronta di carbonio, ottimizzando i sistemi di produzione e logistica, passa anche per Steyr che entro il 2025 trarrà il proprio fabbisogno energetico al 100% da fonti rinnovabili.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

CATL presenta una nuova batteria: 1.000 km di autonomia e ricarica in 5 minuti

08:00 • 25 giu 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati