logo tate app
ELETTRICA
Home
Categorieapri menu tariffe
Menu
  1. /
  2. Mobilità elettrica
  3. /
  4. In Germania entra in funzione la prima rete ferroviaria alimentata a idrogeno
Novità
Mobilità elettrica

In Germania entra in funzione la prima rete ferroviaria alimentata a idrogeno

La fornitura di 14 treni, contrattualizzata nel lontano 2017, è stata completata rendendo la rete tedesca la prima ad essere alimentata solo ad H2.

Nella regione della Bassa Sassonia, in Germania, è stata completata la prima rete ferroviaria che vanta esclusivamente treni alimentati a idrogeno. Si tratta di 14 treni basati su celle a combustibile che hanno sostituito le 15 soluzioni diesel che prima componevano la rete.

In particolare, i treni sono i Coradia iLint costruiti da Alstom, società francese specializzata nella costruzione di infrastrutture ferroviarie, per conto della società di trasporti tedesca LNVG. Ogni mezzo ha un'autonomia di circa 1.000 km, il che consente di coprire l'intero percorso giornaliero senza la necessità di effettuare il rifornimento durante l'orario operativo.

Naturalmente, però, l'infrastruttura di supporto non è stata trascurata. A Bremervörde è stata allestita una stazione di rifornimento che consente di ricaricare i treni al di fuori dell'orario di apertura al pubblico durante l'arco dell'intera giornata. La stazione ospita ben 64 serbatoi di stoccaggio ad una pressione di 500 bar per una capacità complessiva di 1.800 kg di idrogeno.

A questi si affiancano 6 compressori che alimentano i due distributori a disposizione. Il carburante, per il momento, sarà fornito da terze parti, ma la società di trasporti sta già valutando alcune aree di espansione per produrre l'idrogeno direttamente in loco.

Treno a idrogeno Alstom Coradia Stream
Treno a idrogeno Alstom Coradia Stream

Il vantaggio dei nuovi mezzi di trasporto riguarda soprattutto le emissioni. Con il taglio di tutti e 15 i treni alimentati a diesel, ben 1,6 milioni di litri di gasolio verranno risparmiati ogni anno. Inoltre, Carmen Schwabl, portavoce di LNVG, ha già anticipato che la società non ha intenzione di acquistare nuovi treni diesel. Secondo le stime dell'azienda, la tecnologia è matura per rimpiazzare i combustibili fossili che nel prossimo futuro potrebbero rivelarsi meno convenienti anche dal punto di vista economico.

"La mobilità a emissioni zero è uno degli obiettivi principali a garanzia di un futuro sostenibile e Alstom punta a diventare leader mondiale nei sistemi a propulsione alternativa per veicoli ferroviari. Il Coradia iLint, il primo treno a idrogeno al mondo, testimonia il nostro preciso impegno per una mobilità green abbinata a una tecnologia all’avanguardia. Siamo molto orgogliosi di poter includere questa tecnologia nel funzionamento di serie come parte di un’anteprima mondiale in collaborazione con i nostri straordinari partner" ha affermato Henri Poupart-Lafarge, CEO e presidente del consiglio di amministrazione di Alstom.

Alstom ha inoltre siglato un contratto proprio con l'Italia, che prevede la fornitura di 6 treni Coradia Stream alimentati a idrogeno destinati alla regione Lombardia, con l'opzione di ordinare fino a 8 ulteriori veicoli.

Articoli correlati

Novità
Mobilità elettrica

SkyDrive presenta l'SD-05, un nuovo VTOL a due posti

12:39 • 28 set 2022
Chi siamo
FacebookInstagramLinkedIn
FacebookInstagramLinkedIn
Tate è una Società a Responsabilità Limitata - P.IVA 03596861207 - Capitale Sociale I.V. di 408.509,29 € | Copyright ©2022 Tate s.r.l. - Tutti i diritti riservati